Ci è stato segnalato uno spiacevole episodio

Ci giunge una segnalazione da parte di uno spettatore che stava assistendo alle premiazioni nella giornata di sabato 25 settembre ai Campionati Italiani Assoluti presso le Lame di Montefalco. A lungo abbiamo riflettuto sul fatto di pubblicare o meno questa segnalazione ma la gravità del fatto, a nostro parere, andava resa nota.

“Nella premiazione di sabato 25 del GP Freestyle, presso le Lame, ho assistito a un fatto davvero spiacevole quanto mai increscioso. Un famosissimo giudice 5 stelle, Enzo Truppa, che non operava durante il concorso e quindi non aveva nessuna voce in capitolo, ha preso da parte uno dei giudici 4 stelle del concorso Eugenio Rovida, che aveva appena giudicato la categoria oggetto di premiazione. I due hanno cominciato a parlare e fin qui tutto normale, senonché ad un certo punto i toni si sono alzati tanto da dar modo a tutti quelli che erano presenti di sentire l’oggetto della conversazione: il non essere d’accordo, del giudice estraneo al concorso, sul punteggio attribuito ad un concorrente, nello specifico, alla figlia. I due si sono rimbrottati ad alta voce per qualche minuto…Ora, al di là dell’episodio increscioso sia per il momento scelto, il luogo e soprattutto il ruolo di entrambe le persone coinvolte, resta la spiacevolissima percezione da parte di chi ha assistito alla ‘scena’ di far parte di un sistema dove, nonostante l’impegno degli atleti e dei loro cavalli, siano sempre presenti pressioni dall’alto, si cerchi di influenzare e schiacciare le decisioni altrui da parte di chi ha più peso.” 

Intervistato riportando la segnalazione, lo stimato giudice Eugenio Rovida ha così commentato: 

“Non ho nulla da aggiungere, sottolineo unicamente che da sempre perseguo, in qualità di giudice, una preparazione tecnica associata ad una onestà intellettuale.” 

Se è vero che i giudici sono rappresentanti della nostra Federazione durante i concorsi, beh fatevelo dire, la nostra Federazione non ci ha fatto proprio una bella figura.