Protagonisti Europei Pony – Intervista a Edoardo Zara

Si torna a casa dopo una settimana impegnativa.

Come squadra siete stata forse la più forte di sempre, raccontaci come è stato lo spirito tra di voi, anche perché vi siete conosciuti lì e non avete avuto la possibilità prima di creare un legame.

Questo Europeo è andato alla grande! Indubbiamente un risultato storico quello della squadra, nella quale ero l’unico maschio.

Simpaticissime le ragazze, che in realtà conoscevo già, abbiamo trascorso una settimana di grande divertimento oltre che di grande sport. Si è creato da subito un bel clima e i giorni sono volati.

Grande risultato anche nell’individuale: chiudi gli occhi e prova a ripercorrere i due rettangoli, cosa hai provato, le tue sensazioni insieme al tuo compagno di gare, il tuo pony.

Sono felice dei miei risultati, consapevole che io e il ponygiallo abbiamo ancora tanto margine e ci impegneremo per sfruttarlo del tutto, ma davvero sono molto orgoglioso di noi!

Raccontaci con chi ti alleni quotidianamente a casa e il rapporto che hai con il tuo istruttore /istruttrice.

Tutto questo mai sarebbe stato possibile senza l’aiuto della mia ippomamma e istruttrice, Paola Lerma, che mi segue sin dalle prime falcate sullo shetland. Che fortuna direte, la mamma istruttrice,……ve la presto volentieri una settimana!!

Momento dell’europeo che porterai sempre nel tuo cuore ?

La ripresa di questo campionato che mi resterà nel cuore è sicuramente l’Individual, ero carico e concentrato, siamo entrati e abbiamo fatto l’alt “della vita”, ne ero certo, poi pista a mano sinistra, diagonale medio e……ponygiallo per aria! Ci siamo giocati due figure che sono costate carissime, ne ero certo, e allora Individual A NOI! Ci siamo dati una risistemata e via, abbiamo eseguito ogni figura rimanente con il massimo della precisione, ci siamo intesi falcata dopo falcata e, chi era di fronte al cartellone mi ha poi raccontato che siamo partiti con un alt da 80%, per scendere al 56% e da lì recuperare praticamente mezzo punto ogni figura per uscire poi con il 67%.

Matematica a parte, ho imparato più in questa ripresa che nelle molte altre eseguite finora, ho concluso con la consapevolezza che siamo un binomio, che ci fidiamo l’uno dell’altro e che il mio ponygiallo ha davvero un cuore d’oro e me lo ha dimostrato una volta in più in questo Individual, lottando insieme a me come un leone per recuperare quella piccola “marachella”. 

È questo che porterò per sempre nel cuore.

Programmi a breve termine?

Prossimo appuntamento a breve i Campionati Italiani e programmi per il futuro, affiancare al pony il cavallo di mamma (quasi rubato) e iniziare “fare pratica” in M.