Protagonisti Europei Pony – Intervista a Lisa Bartz

Si torna a casa dopo una settimana impegnativa.

Come squadra siete stata forse la più forte di sempre, raccontaci come è stato lo spirito tra di voi, anche perché vi siete conosciuti lì e non avete avuto la possibilità prima di creare un legame.

Ho conosciuto Edoardo e Virginia l’anno scorso per la prima volta, due ragazzi davvero simpatici, mentre con Ludovica mi sono divertita moltissimo anche se l’ho conosciuta in occasione di questa trasferta. Visto che non vivo in Italia, trovare dei compagni così è stato molto importante per me, mi sono sentita davvero bene e soprattutto parte di una vera squadra. Tutti insieme siamo riusciti a portare avanti il nome dell’Italia.

Grande risultato anche nell’individuale: chiudi gli occhi e prova a ripercorrere i due rettangoli, cosa hai provato, le tue sensazioni insieme al tuo compagno di gare, il tuo pony.

Nel rettangolo ho sentito una sensazione speciale, Derano si é fidato di me e mi sono sentita come se fossimo una cosa sola. Dopo una stagione difficile dove il Covid ci ha impedito di fare le gare previste, sentire Derano completamente insieme a me è stata la cosa più importante, davvero un momento magico. 

Raccontaci con chi ti alleni quotidianamente a casa e il rapporto che hai con il tuo istruttore /istruttrice.

Vivendo in Portogallo scegliere con chi allenarmi non è molto semplice. Quotidianamente lavoro con Annie Morris ma il mio allenatore ufficiale é Raphael Saleh che mi supporta nella preparazione fisica, sa scherzare e, allo stesso tempo, è molto esigente. 

Momento dell’europeo che porterai sempre nel tuo cuore ?

Il momento più importante di questa gara é stato il sentimento di squadra che ho avuto con i miei compagni e la sensazione che mi ha dato DERANO B.

Anche la dolcezza e i momenti scherzosi che ho vissuto fuori gara con Valentina e Laura non possono non essere menzionati.