DIETRO LE QUINTE DI RACHELE BANCORA E EXUPERY 7

L’amazzone italiana Rachele Bancora, seguita dalla trainer Elena Gariglio presso la “Scuderia la Pirouette”, si racconta a Tutto Dressage!

Iniziando dalla scelta del cavallo e il loro primo incontro, Rachele spiega: “Finito il mio ultimo anno pony stavo cercando un cavallo per fare gli junior e dopo aver provato un paio di cavalli, con cui non mi sono trovata, siamo andati in Svizzera tedesca a provare lei (Exupery 7). Me ne sono subito innamorata! Era super facile negli esercizi ed era già pronta per fare le gare Junior. L’abbiamo provata due volte e a novembre 2019 è arrivata a casa! Ero davvero felice perché è anche una cavalla super dolce ed affettuosa, si lascia coccolare come un peluche, qualche volta è un pochino psicopatica ma sto imparando a gestire la sua energia. Inizialmente è stato difficile staccarmi dal mio pony, ma poi ho visto che lui stava bene ed era felice con la sua nuova bambina e quindi ho iniziato a creare un rapporto più stretto con la Exi”.

Dopo una brillante carriera nel mondo dei pony, il passaggio nel mondo dei cavalli per Rachele com’è stato? “Inizialmente è stato difficile perché i cavalli sono molto più grossi e più difficili da gestire dei pony. Fortunatamente ho avuto la possibilità di montare qualche cavallo a casa già prima e quindi non è stato proprio un passaggio drastico, ma comunque ci ho messo un paio di mesi ad adattarmi!”.

Quali sono i prossimi obiettivi/appuntamenti di questo binomio? “Quasi sicuramente parteciperemo al prossimo CDI di Ornago e poi sarebbe un sogno poter partecipare ai campionati d’Europa per il mio ultimo anno da Junior”

Come riesce a gestire carriera agonistica e percorso scolastico? “È molto difficile gestire tutto, io frequento un liceo e questa scuola richiede molto studio. Solitamente monto più volte alla settimana e qualche volta mi aiuta la mia istruttrice quando ho molti impegni. Passo gran parte dei miei pomeriggi, appena finisce la scuola, in scuderia e studio la sera. Durante la stagione di gare è ancora più difficile perché perdo giorni interi ma solitamente riesco sempre a recuperare e gestire bene entrambe le cose”

Grazie a Rachele per essersi raccontata a noi!

Fieri di questo binomio, non possiamo che augurarle un grosso in bocca al lupo per i prossimi appuntamenti!