Andrea Giovannini ed Enjoy rivelazione nei 7 anni

Raccogliamo qualche commento a caldo da Andrea Giovannini che ha presentato ai Campionati Italiani a Sommacampagna un autentico gioiellino con il quale si è aggiudicato l’ oro nei cavalli stranieri di 7 anni.

Il podio dei 7 anni stranieri con ANdrea Giovannini grande rivelazione con il KWPN Enjoy, insieme a Valentina Truppa e Vanessa Ferluga. (photo © tuttoDRESSAGE).

Il podio dei 7 anni stranieri con Andrea Giovannini grande rivelazione con il KWPN Enjoy, insieme a Valentina Truppa e Vanessa Ferluga. (photo © tuttoDRESSAGE).

Andrea, grande spettacolo, tanto entusiasmo e grandi risultati, soprattutto nella categoria 7 anni.

“Moltissimo entusiasmo perché ci fa enormemente piacere ottenere riscontri in rettangolo che ci ripagano del lavoro svolto fino ad ora, facendoci capire di essere sulla strada giusta. I giudici hanno valutato positivamente i cavalli per la serenità che hanno dimostrato, la risposta che danno al cavaliere, oltre ovviamente alle ottime percentuali, che fanno sempre piacere.”

Grande giornata, con due bellissimi ori.

Andrea Giovannini ed Enjoy nel rettangolo tricolore di Sommacampagna (photo © tuttoDRESSAGE).

Andrea Giovannini ed Enjoy nel rettangolo tricolore di Sommacampagna (photo © tuttoDRESSAGE).

“Due ori, esatto, uno con Enjoy nei 7 anni, ed uno nei 5 anni con Ramato del Castegno, con cui abbiamo ottenuto una grande percentuale, vicina al 77%. Inoltre, un quarto posto con The Best, una straordinaria cavalla Oldenburg di 5 anni, straniera, con la quale ci siamo fermati davvero ad un niente dal podio.”

Vorremmo ci raccontassi di Enjoy, un cavallo davvero promettente, con una storia particolare alle spalle.

“Quando presi Enjoy, documentai il momento. Era un puledro in condizioni fisiche davvero pessime, oserei dire disastrose. Lo allevai e cominciai a lavorarlo quando aveva tre anni e mezzo. Ora, a sette anni, dopo un percorso fatto di equilibrio nel lavoro e la giusta dose di pazienza, abbiamo visto cosa è in grado si fare. Ma prima di tutto, è un cavallo che lavora sempre con serenità.”

Per lui che progetti hai?

“Per questo cavallo, con questo cavallo, ho grandi sogni. Ha già mostrato un piaffe-passage davvero importanti, cosa che lo potrebbe indirizzare verso un futuro come cavallo da Grand Prix. Come ogni cavaliere non nascondo di puntare alle competizioni internazionali, un europeo, un mondiale e, perché no, un giorno un’olimpiade. Ma ora è necessario guardare più vicino, ai risultati di oggi, dei quali siamo molto soddisfatti. Doppia soddisfazione, ci tengo a dirlo, perché sono cavalli che ho preparato io, in casa. Ne vado fiero e credo sia giusto ricordarlo anche per ringraziare tutti coloro che mi circondano e mi hanno aiutato. In particolare, un ringraziamento speciale a José Sanchez Cobos, mio trainer ormai da 4 anni, professore presso la Real Escuela de Arte Ecuestre che ha cambiato completamente il mio modo di preparare i cavalli permettendomi di raggiungere grandi risultati.”