Tags

Related Posts

Share This

Riunione Dipartimento Dressage a Milano

Cinque intense ore di lavoro e discussione a Milano in data 17 febbraio 2020.

Francesco Girardi e Cesare Croce.

Dopo la riunione tenuta a Roma il giorno 4 febbraio 2020, si sono concluse le consultazioni della base in merito al Programma del Dipartimento Dressage 2020 con l’appuntamento del 17 febbraio nei locali del Comitato Regionale del CONI e del Comitato Regionale FISE Lombardia.

La riunione ha riscosso il gradimento della Base, attestato da una partecipazione molto numerosa in rappresentanza di tutte le componenti della disciplina.
La sala era piena: hanno aderito infatti all’ iniziativa oltre cinquanta persone in rappresentanza di cavalieri, tecnici, proprietari, genitori, giudici, segreterie tecniche, comitati organizzatori.
Alla riunione erano presenti e dato il benvenuto ai partecipanti il Presidente del Comitato Regionale FISE Vittorio Orlandi, il consigliere referente per la disciplina Grazia Bazzano e il direttore sportivo Fise Francesco Girardi.
Tutta la documentazione preparata dagli uffici del Dipartimento, che possono contare su dipendenti di grande professionalità, affidabilità e gentilezza nei rapporti come Anna Baroni e Carlotta Blasi, era predisposta su supporto informatico, per cui è stato possibile proiettare e scorrere le 140 pagine del Programma Dressage 2020 su schermo visibile a tutti i presenti.

Molto gradito ai partecipanti è stato l’intervento del presidente della FISE avv. Marco Di Paola, che ha voluto così attestare il rinnovato interesse della Federazione per questa disciplina olimpica, forse un po’ trascurata negli ultimi quadrienni olimpici.
La presenza del Presidente Di Paola è stata anche l’occasione per un esame più generale del panorama tecnico della nostra federazione, con particolare riguardo agli aspetti molto delicati del settore della formazione e dell’istruzione nel nostro Paese.

Il Responsabile del Dipartimento Cesare Croce ha preventivamente sottolineato lo sviluppo della disciplina in questi ultimi anni grazie al lavoro quotidiano di tutte le componenti della base sportiva con particolare riguardo ai tecnici, ai dirigenti dei Centri specializzati, agli Officials ed ai genitori dei più giovani.
Circa 3.400 binomi hanno partecipato a concorsi nazionali di Dressage.
Sono state circa 15.000 le partecipazioni in gara.
In grande crescita anche la partecipazione agli eventi internazionali in Italia e all’ estero, con punte di quaranta binomi come a Lipizza.
Centosessanta sono state le gare nazionali di Dressage organizzate. Cinque Internazionali, compresi quelli di Paradressage.
Cinquanta sono i Centri di Specializzazione definiti Centri Federali Di Dressage Italia.
Un trend in continua crescita dal 2017 ad oggi.
Sono risultati che contribuiscono a dare una immagine credibile della Disciplina del nostro Paese a livello internazionale, attestata dal grande consenso in Europa per le capacità organizzative di eccellenza dimostrate con la programmazione a San Giovanni in Marignano dei Campionati Europei Giovanili.

Il responsabile del Dipartimento ha sottolineato le recenti prestazioni di alcuni binomi italiani Senior (Miloserdova, Zaza, Maroni) ed alcuni acquisti di cavalli importanti, che fanno ben sperare per i Campionati Europei 2021. Nel 2020 sono programmate oltre alle trasferte per i Campionati Giovanili in Inghilterra e Ungheria anche un CDIO Giovanile (Hagen) ed uno Senior.

Notizia recentissima e significativa è rappresentata dal fatto che Tatiana Miloserdova è la prima riserva nella lista per la partecipazione alle Olimpiadi 2020, con grandi possibilità di partecipare realmente all’evento.
Sono poi state illustrate in modo sintetico le linee principali che hanno caratterizzato il programma del quadriennio olimpico che si sta concludendo e soprattutto gli obiettivi più significativi del 2020.

Infine un riconoscimento particolare è stato dato a tutti i C.O. per l’ottima programmazione di eventi federali nel 2019 e un ringraziamento per la calendarizzazione di tre Concorsi Internazionali Senior di cui uno 4*, nonché per l’organizzazione di ben otto Concorsi Internazionali Giovanili e Giovani Cavalli.
Per quanto possibile è stato dato spazio ai partecipanti che, avendo letto il programma, desideravano ricevere chiarimenti ed esporre rilievi su quanto proposto da Dipartimento.
È stata presa in esame in particolare la nuova normativa relativa al sistema di qualificazione alle gare internazionali per Giovani e Senior.
Come già avvenuto per la riunione di Roma, anche in questo caso sono state annotate ed acquisite le osservazioni proposte, che sono state ritenute utili per una migliore efficacia ed applicazione del programma.

Al termine dell’appuntamento, la riunione è proseguita con un incontro con i giudici ed i tecnici coinvolti nella programmazione del progetto di promozione del Dressage o meglio del “lavoro in piano” sul territorio.
Un progetto che ha mosso i primi passi nel 2018 e che nel 2019 ha avuto un successo straordinario, in parte imprevisto, con l’organizzazione richiesta da quattordici Comitati Regionali, di circa 30 stages in tutte le regioni italiane e la partecipazione di oltre 450 atleti, che in alcuni casi si avvicinavano per la prima volta ad un metodo di insegnamento, che dovrebbe essere invece la base per intraprendere qualsiasi disciplina equestre. Il messaggio è stato recepito forte e chiaro e quindi molto gradito.

Per il 2020 il Dipartimento Dressage, in collaborazione con tutti Comitati Regionali e il Dipartimento Formazione, ha programmato quest’iniziativa cercando di creare un sistema normato, destinato a dare omogeneità e regole univoche a tutte le iniziative previste, in modo da definire un metodo uguale in tutte le regioni e per tutti i docenti: in pratica una “scuola” che esca dalle logiche dell’improvvisazione e dell’individualismo.
Tutti i presenti hanno contribuito in modo costruttivo a migliorare il documento base predisposto dal Dipartimento.
La versione definitiva ed organica sarà pubblicata e diffusa tramite il sito della federazione.