Tags

Related Posts

Share This

Valentina Truppa al debutto in Grand Prix con Sauvignon.

Stagione tutta da seguire quella di Valentina Truppa che apre la stagione questo fine settimana al Duende.

Sauvignon al lavoro con Valentina Truppa. (photo © tuttoDRESSAGE.it).

Il ricambio generazionale al Centro Equestre Monferrato continua positivamente con i giovani cavalli in forte crescita sotto la sella dell’ appuntato dei Carbinieri Valentina Truppa.

“Iniziamo finalmente la nostra stagione,” spiega Valentina Truppa a tuttoDRESSAGE, “il Dipartimento dressage con Cesare Croce ha fatto un bel calendario ed anche Alessandro Poncino in Piemonte ha organizzato un bel giro, iniziamo al Duende questo week end quindi proseguiremo a metà marzo ad Alessandria poi ad Aprile la tappa di Coppa Italia a Tortona che sono davvero felice sia entrata nel circuito di gare di dressage. Andremo poi a New Sint Joosland in Olanda dal 10 al 14 aprile per la prima gara internazionale dell’ anno dove porterò Ranieri e Sauvignon in Grand Prix.

“Prime tre uscite in Italia quindi al Duende esordio nei 7 anni con Smile di Fonteabeti mentre debutto domenica per Sauvignon in GP, il suo debutto era previsto a novembre ma io non ero stata bene ed avevamo dovuto rimandare. Il cavallo è in crescita e ci siamo ben preparati, vogliamo che impari bene il giro del Grand Prix senza pressione prima di affiancarlo a Ranieri in internazionale per creare una nuova accoppiata come fu con Chablis ed Eremo.

“Dorothea e Zeus e gli altri giovani li faremo crescere nei rettangoli italiani. Sono emozionata e curiosa è un altro cavallo della Scuderia Truppa che arriva a Gran Premio, mi sono preparata molto bene anche con la mental coach Eva Rosenthal che mi segue sin dalle Olimpiadi di Londra, Sauvignon mi ha fatto un po’ disperare fino ai 6 anni ma ho raccolto la sfida vedendo le potenzialità, d’ altra parte i buoni cavalieri vengono fuori anche con cavalli che magari non sono straordinariamente dotati e su questo mi ispiro al mio idolo Isabell Werth che ha portato ad alto livello anche cavalli “terrestri” vincendo con loro anche delle gare internazionali, oltre a raccogliere medaglie con quelli davvero straordinariamente talentuosi.”