Tags

Related Posts

Share This

Bilancio positivo per l’Assemblea Generale della FEI 2018 a Manama, in Bahrain

Rieletto Presidente Ingmar De Vos.

Ingmar De Vos (BEL) eletto all’ unanimità Presidente FEI President per i prossimi quattro anni. (FEI/Liz Gregg)

Si è conclusa martedì 20 novembre l’Assemblea Generale della FEI che ha visto riunite tutte le federazioni equestri del mondo a Manama in Bahrain. A far parte della delegazione italiana che ha partecipato ai lavori erano presenti il Segretario Generale Simone Perillo e Andrea White, Chef de Mission – International Relations Dipartimento Dressage – Paradressage – WEG – Olimpiadi.

Moltissimi i temi affrontati al tavolo di lavoro, tra cui sono scaturite alcune importanti decisioni, quali la modifica dello Statuto della FEI che ha permesso l’integrazione della Federazione Europea (EEF) all’interno dell’organizzazione FEI: il Presidente EEF Theo Plogemakers, olandese, ed il Vice Presidente della EEF Armagan Ozgorkey, turco, diventano di diritto membri del board della FEI.

Sono stati inoltre definiti i regolamenti per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, che dovranno essere approvati dal Comitato Olimpico Internazionale. Per i Giochi Paralimpici il format resterà identico a quello adottato per le Paralimpiadi di Rio 2016.

In relazione ai World Equestrian Games, la FEI ha confermato la possibilità di campionati mondiali 2022 in località geografiche diverse. A questo proposito la fase di presentazione di candidature verrà aperta a breve per concludersi a novembre 2019 in occasione della prossima Assemblea Generale FEI che si terrà a Mosca.

Di maggior rilievo per l’Italia si segnala l’assegnazione dei Campionati Europei Dressage U25, Young Riders, Juniores, Children 2019 a San Giovanni a Marignano (RN)  in data 24-28 luglio.