Tags

Related Posts

Share This

Tryon 2018: conclusa la prova a squadre

L’Italia chiude al nono posto la prova a squadre. Domani Freestyle per Morganti e Vaccaro.

Sara Morganti e Royal Delight ancora una grandissima prestazione a Tryon (Ph.Stefano Grasso/Cavalleria Toscana-Fise).

Conclusi oggi, venerdì 21 settembre, i Team Test per il Paradressage ai FEI World Equestrian Games™ Tryon 2018. Dopo l’ingresso in campo di Maurilio Vaccaro su Bonaire Van de Mottelhoeve e Federico Lunghi su Laudario nella giornata di ieri, oggi è stata la volta della Campionessa del Mondo Sara Morganti su Royal Delight e di Francesca Salvadè su Muggel 4.

C’era da aspettarselo e, infatti, è stato così. Sara Morganti in campo nel Grado I è andata ben oltre il 75% e ha fatto registrare la migliore prestazione della giornata con il suo 75,571%, che le ha consegnato la prima posizione in classifica nel suo grado (Oggi assegnate solo le medaglie a squadre). Una prova bellissima in cui non è mancato anche un piccolo fuori programma all’uscita dal rettangolo. Il maxi schermo ha segnato un punteggio con una differenza di quasi dieci punti rispetto al resto del collegio giudicante. L’errore per fortuna – con grande sollievo di Sara e di tutto il Team Italia – è stato corretto quasi istantaneamente sui monitor del Tryon Stadium.

In mattinata per il Grado III è stata la volta di Francesca Salvadè e Muggel 4. Dopo aver quasi ultimato la sua prova, l’amazzone italiana è stata eliminata dalla giuria per una irregolarità sull’andatura del suo cavallo.

Il punteggio degli azzurri messi a segno nelle due giornate di Team Test assegnano all’Italia la nona posizione a squadre con un totale di 201.424. Medaglia d’oro per l’Olanda (223.597), argento per la Gran Bretagna (222.957), mentre bronzo per la Germania (219.001).

Due azzurri del paradressage saranno ancora in rettangolo domani per il gran finale con il Freestyle. Ad ottenere la qualifica sono stati Sara Morganti su Royal Delight (Grado I) e Maurilio Vaccaro su Bonaire van de Mottelhoeve (Grado II).