Tags

Related Posts

Share This

Parigi 2017: Ginevra Coperchio campionessa Europea, argento per Maroni, Meuter e Mazzoleni

Oltre al bronzo a squadre ottenuto dall’ Italia ai Campionati Europei MCI si sono messe in grande evidenza Ginevra Coperchio, Nausicaa Maroni, Nadja Meuter e Giacomo Mazzoleni.

Ginevra Coperchio ed il P.R.E. Edipo El Bayo nel giro d’ onore a Parigi. (photo courtesy G. Coperchio).

Ginevra Coperchio con Edipo El Bayo ha conquistato il titolo  d’Europa MCI di Livello 4 con un impressionante tris di vittorie vincendo la finale nella categoria tecnica Madrid con il 70,79 %, vincendo poi anche la prova Freestyle RLM Lusitania con il punteggio di 72,93 % e di conseguenza ottenendo la medaglia d’ oro ed il titolo europeo livello small tour.

Nella massima categoria di livello Grand Prix la nostra Nausicaa Maroni dopo aver mancato di un soffio il podio nella prova tecnica chiamata Reyale ma che è di fatto il Grand Prix, si è presa una gran bella rivincita nella finale MCI della RLM Iberica, ottenendo uno strepitoso punteggio di 77,2 % che fa suonare l’ inno di Mameli; l’ azzurra campionessa europea 2016 raggiunge e conquista una bellissima medaglia d’ argento ai Campionati Europei MCI di livello 6.

Nadja Meuter dopo la bella vittoria ottenuta nella prova tecnica di livello M nella finale MCI Lisboa, guadagna il secondo gradino del podio nella finale della kur  RLM Fandango con il punteggio di 73% in sella a El July.
Per l’ amazzone azzurra vale la medaglia d’ argento al collo dei Campionati Europei MCI di livello 3.

Nella categoria dei Giovani Cavalli il Presidente di MCI Italia Giacomo Silvio Mazzoleni si è preso la personale soddisfazione, oltre che di guidare come Chef d’ Equipe la squadra azzurra ad una bellissima prestazione, di salire sul podio del Campionato Europeo MCI Giovani Cavalli con la medaglia d’ argento al collo. In sella a Vuelco IV ha ottenuto nella ripresa Primera il 77,80% valido per la sesta posizione e l’ 80,20% nella Novilla che è valso la terza posizione. L’ elevata qualità delle due performance ed una maggiore costanza di rendimento ad alto livello del binomio rispetto agli avversari ha consegnato a Mazzoleni l’ argento europeo e la conferma di avere un giovane super cavallo sotto la sella.