Fieracavalli batte la crisi e supera i 156 mila visitatori

Superate le aspettative della vigilia con oltre 156mila visitatori da 75 Paesi. Espositori soddisfatti della presenza di operatori qualificati e internazionali e per l’ottimo giro d’affari. L’ultima giornata festeggia il podio azzurro al Jumping Verona

Visitatore d' eccezione a Fieracavalli l' attore Gabriel Garko, grande appassionato di cavalli ha dichiarato: "...per quello che ho potuto vedere mi sembra una fiera completa, con tanti angoli interessanti che rappresentano tutto il mondo equestre.” (photo courtesy: Fiera Cavalli Verona).

Chiusura oltre le aspettative per la 114^ edizione di Fieracavalli con più di 156 mila visitatori da 75 Paesi (155 mila nel 2011) in quattro giorni, 2.500 cavalli di 60 razze, un intero quartiere fieristico di 350mila metri quadrati, oltre 650 espositori da 25 nazioni, 45 associazioni allevatoriali di cui 10 estere e 180 iniziative tra gare sportive, mostre e spettacoli con record di presenze tra Westernshow e Salone del Cavallo Iberico che diventano le due manifestazioni di riferimento europeo dei rispettivi settori. Ottimo il riscontro di pubblico durante le gare della ROLEX FEI World CupTMdi Salto Ostacoli con 12.500 spettatori e del Gala serale con 10.200 presenze.

“Nonostante la crisi, Fieracavalli tiene le redini del settore, lo dimostrano i risultati di affluenza, ma anche le grandi e prestigiose presenze tra gli espositori, soddisfatti da performance di vendita e presenza di buyer qualificati. Lo confermano i numeri con un + 10% tra le presenze allevatoriali, 20 nuove iniziative tra gli appuntamenti in programma e – grazie agli investimenti a favore delle attività di incoming – le delegazioni estere sono aumentate del 35% “ commenta Ettore Riello, Presidente di Veronafiere.

Fieracavalli riconferma il forte legame cavallo-territorio, filo rosso di questa 114^ edizione. Aumentano le presenze di tour operator nella borsa del turismo equestre del padiglione 1: molti i contatti internazionali, con importanti richieste di pacchetti viaggio da Germania, Francia, Spagna, Austria, Svizzera, Bulgaria e Marocco. Molto apprezzato dal pubblico anche l’innovativo progetto di Sapori di Razza che ha abbinato le tipicità del cibo di strada italiano con il folklore delle razze autoctone.

Un risultato positivo che porta benefici in particolare per il comparto allevatoriale, che sta attraversando una congiuntura difficile, e per l’equiturismo, che è invece in forte espansione e punta al consolidamento della crescita.

“Fieracavalli conferma la propria internazionalità grazie al numero crescente di visitatori da Croazia, Slovenia, Germania, Austria, Svizzera e Russia. La manifestazione suscita sempre più interesse fuori dai confini italiani e lo dimostrano gli oltre 650 giornalisti accreditati da 20 paesi, cresciuti del 10% rispetto al 2011. Nonostante la pioggia e la difficile congiuntura economica la giornata di sabato ha registrato un’affluenza record e le prime due giornate dedicate agli espositori hanno segnato un +5% nei contatti B to B” dichiara Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere.